Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.maroncelli.net/home/wp-includes/cache.php on line 35 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.maroncelli.net/home/wp-includes/query.php on line 15 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.maroncelli.net/home/wp-includes/theme.php on line 505 maroncelli.net » Blog Archive » Sciopero barbaro e selvaggio

Sciopero barbaro e selvaggio

Mercoledì, 12 Dicembre 2007, 10:58

Ma soprattutto fuorilegge quello degli autotrasportatori che sta paralizzando l’Italia in uno dei momenti più critici dell’anno. Eppure è desolantemente inutile lamentarsi nel momento in cui la doverosa precettazione decisa dal governo cade nel vuoto. Nel nostro paese ognuno è libero di fare ciò che vuole in barba alle leggi. Lo hanno fatto i tassisti a Roma e ora lo fanno gli autotrasportatori con questo sciopero che possiamo sì definire barbaro e violento, ma che in realtà andrebbe semplicemente dichiarato per quello che è: illegale. E in ogni paese che si rispetti, le forze dell’ordine e gli organi competenti dovrebbero stroncare e punire l’illegalità.
Non esistono ragioni e non esiste solidarietà se si usano metodi violenti.

3 commenti (Scrivi il tuo)

1
Sw4n - 12 Dicembre 2007, 14:22

Illegale, sì.
Sto leggendo opinioni tra le più disparate. ovunque.

Fatto sta che io, oggi, son senza benzina.

2
Paolo Maroncelli - 12 Dicembre 2007, 14:39

Leggo ora che al ministero dei trasporti stanno arrivando segnalazioni per possibili revoche delle licenze. Magari fosse vero. Magari, almeno per una volta, i comportamenti illegali fossero puniti. Ci credo poco.

3
Giancarlo Manfredi - 14 Dicembre 2007, 11:17

E in tutto questo credo che la cosa peggiore sia la chiara indicazione di quanto sia fragile ed impreparata la nostra nazione e società civile di fronte ad emergenze anche minime. Uno scuiopero, una nevicata appena al di fuori del normale… tutto scatena l’emergenza.
E la benzina scompare, i generi di prima necessità scompaiono per poi ricomparire aumentati di prezzo, e le persone si comportano come sciacalli e profughi disperati, lottando e cospirando e prostituendosi e mercanteggiando per un litro di benzina, di latte o una aspirina.

Solidarietà, capacità di previsione e gestione dell’emergenza, volontariato e controllo dello Stato e autocontrollo dei cittadini: sono cose che da sempre dovrebbe essere possibile attivare ed instaurare, senza necessità economiche o tecnologiche particolari.

Così, quando le emergenze (energetiche, climatiche, sanitarie, etc…) vere arriveranno, no ci sarà il crollo verticale e totale della civiltà per come (evidentemente in maniera erronea) la pensiamo.

Meditate gente, meditate…

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il loggin.